Come valutare i tuoi prodotti fatti a mano

Come valutare i tuoi prodotti fatti a mano

Quando ho iniziato la mia prima attività non avevo idea di come calcolare il costo dei miei prodotti.

Non stavo nemmeno tenendo traccia di quanto tempo mi ci è voluto per realizzare le mie merci o il costo delle mie forniture.

Ho appena fatto della roba e ci ho messo sopra un cartellino del prezzo arbitrario.

Questo è un modo orribile di valutare i prodotti, ma in tutta onestà ho iniziato quella prima attività (vendendo “cancelleria” fatta a mano che ho creato con carta straccia e collage di posta indesiderata) quando avevo otto anni, quindi cerco di non prendermela troppo .

Quando ho iniziato la mia seconda attività (vendere caramelle fatte in casa fuori dal negozio di barbiere di mio padre) ero un po’ più grande.

Con tutta la saggezza di 12 anni interi su questo pianeta e la consapevolezza che invece di usare la “spazzatura” per realizzare i miei prodotti dovevo effettivamente acquistare stampi e ingredienti per caramelle, sapevo che dovevo trovare un modo per valutare le mie caramelle, quindi che ho coperto non solo i miei costi e il lavoro, ma ho anche realizzato un profitto.

La mia attività di caramelle ha avuto un discreto successo in quanto ho finito per coprire tutte le mie spese e sono persino riuscito a depositare il mio profitto di 100 euro (che all’epoca sembrava una quantità folle di denaro) nel mio conto di risparmio.

Ogni anno alla nostra conferenza Craftcation: Business + Makers organizzo una tavola rotonda in cui i partecipanti possono farmi domande sui prezzi e ogni anno c’è almeno una persona al tavolo che usa le stesse tattiche di prezzo come ho fatto con la mia attività fissa, in altri parole che indovinano quanto dovrebbero costare i loro prodotti o cercano di capire quanto pensano che qualcuno pagherebbe per questo.

È tutto quello che posso fare per non saltare sul tavolo e gridare: “Il prezzo non è un gioco di ipotesi! È una semplice formula matematica”.

Capire cosa far pagare per il tuo prodotto non è un gioco di ipotesi.

Non si tratta di quanto pensi che qualcuno possa pagare per il tuo prodotto o di quanto ritieni che valga la pena. La determinazione del prezzo riguarda i numeri, non i sentimenti.

C’è una formula di prezzo piuttosto semplice in cui inserisci i tuoi costi specifici per capire cosa addebitare per ciò che fai.

Formula prezzo

Formula prezzo

  • Manodopera + Materiali x 2 = prezzo all’ingrosso
  • Prezzo all’ingrosso x 2 (per spese generali e surplus) = prezzo al dettaglio

Sembra piuttosto semplice, vero? Lo è e non lo è.

Trovare e attenersi al costo della manodopera e dei materiali è ciò che tende a essere problematico per i produttori.

Si prega di notare che questa è la formula di prezzo che utilizzo e altri produttori potrebbero avere lievi variazioni come moltiplicare il prezzo all’ingrosso per 2,5 o 3 invece di 2.

Come ho già detto, ho un intero capitolo su questo argomento, quindi ne tratterò solo una piccola parte qui: i materiali.

I produttori spesso trascurano i costi nascosti quando determinano quanto pagano per i materiali.

Usando le camicie come esempio di prodotto, non puoi semplicemente dire che una maglietta ti costa $ 5 per l’acquisto, quindi i tuoi materiali costano 5 euro.

Devi considerare TUTTO ciò di cui hai bisogno per realizzare quella maglietta, come inchiostro per serigrafia, schermi per serigrafia, etichetta di cura, etichetta, cartellino, filo per cucire etichette, ecc.

Potrebbero esserci anche altri costi nascosti per il tuo prodotto.

Esamina ogni articolo che usi per realizzare il prodotto finito e non tralasciare NULLA!

Non cadere preda dell’idea che usi solo un po’ di filo per ogni maglietta e non aggiungi filo all’elenco dei materiali.

Non dimenticare di aggiungere i costi di spedizione per farti arrivare le magliette, o il tuo tempo, benzina e chilometraggio per ritirare i materiali. Tutto torna!

Per esempio

Per esempio

Costo dei materiali per una camicia:

  • Camicia 5 euro
  • Filo 0.10 euro
  • Etichetta 0.25 euro
  • Cartellino 0.30 euro
  • Inchiostro 0.35 euro
  • Costi di spedizione 0.60 euro
  • Gas, chilometraggio e tempo per il ritiro dei materiali 0.40 euro
  • Costo dei materiali = 7 euro

Una volta determinato il costo REALE dei materiali, potresti rimanere un po’ scioccato dalla velocità con cui le piccole cose si sommano.

La buona notizia è che ci sono modi per ridurre i costi dei materiali.

Tagliare i costi dei materiali a volte è più facile che tagliare i costi del lavoro, ma richiede alcune ricerche.

Se crei tu stesso i cartellini o le etichette, potrebbe essere più economico affidarli a un’azienda che crea etichette o cartellini personalizzati.

Diventa creativo e pensa a opzioni alternative per i cartellini come realizzare i tuoi cartellini con biglietti da visita e stamparli in blocco.

Assicurati solo che questi cambiamenti si adattino al tuo marchio.

Acquistare i tuoi materiali all’ingrosso è assolutamente essenziale per mantenere i tuoi prezzi competitivi.

Acquistare all’ingrosso non è così difficile come potrebbe sembrare.

Sì, dovrai ottenere un permesso di rivendita e creare account con la società di vendita all’ingrosso, ma alla fine risparmierai denaro.

Molte aziende all’ingrosso hanno dei minimi.

Se non riesci a soddisfare i requisiti minimi di un’azienda, prendi in considerazione la possibilità di contattare la tua rete e combinare il tuo ordine con il loro.

Se l’azienda da cui ordini i tuoi materiali è vicino a te, potrebbe essere più economico ritirare il tuo ordine invece di farlo spedire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *