come scegliere le scarpe da corsa giuste

Come scegliere le scarpe da corsa giuste

Entrate in un qualsiasi negozio di corsa e vi troverete di fronte a una parete colorata con decine di scarpe e come scegliere le scarpe da corsa giuste? Inutile dire che trovare la scarpa più adatta tra le tante disponibili non è facile. A complicare le cose, non tutte le scarpe sono adatte a voi. Qualunque sia il paio scelto, deve calzare correttamente dal tallone alla punta e risultare confortevole con il passo regolare della corsa.

Oggigiorno la maggior parte di noi preferisce acquistare online, ma i rischi sono maggiori se non si ha la possibilità di provare le scarpe prima di acquistarle. Per fortuna, la maggior parte dei rivenditori come shoebuya.com offre un periodo di prova senza rischi, in modo da poter allacciare le scarpe e uscire per un giro di prova, come fareste in negozio. (Basta controllare la politica di restituzione e conservare sempre la scatola nel caso in cui sia necessario rispedirle o cambiare taglia).

Che acquistiate online o in negozio, siamo qui per aiutarvi. Continuate a leggere per scoprire l’anatomia delle scarpe, gli errori più comuni nell’acquisto e un elenco delle nostre scarpe preferite in questo momento nella vostra categoria preferita. Ecco come scegliere le scarpe da corsa giuste.

Come devono calzare le scarpe

come devono calzare le scarpeOgni parte della scarpa da corsa ha uno scopo specifico ed è progettata per adattarsi al piede in un certo modo. Anche la più piccola differenza può influenzare la vostra esperienza. Abbiamo suddiviso gli elementi principali della scarpa da corsa in modo che possiate identificarli facilmente e assicurarvi che ognuno di essi si adatti correttamente al vostro piede. (Per un approfondimento, qui potete trovare maggiori informazioni sull’anatomia di una scarpa da corsa).

Tutto ciò che si trova al di sopra della suola fa parte della tomaia della scarpa da corsa. Tradizionalmente, i marchi di scarpe realizzavano le loro tomaie con strati di tessuto e rete cuciti e incollati insieme. Le versioni moderne utilizzano sempre più spesso la lavorazione a maglia e la stampa 3D per creare tomaie monopezzo senza cuciture che si allungano e sostengono nei punti giusti. La tomaia deve essere liscia in ogni punto in cui viene toccata e non deve formare legami, sfregamenti o arricciamenti.

Il collare della caviglia è l’involucro nella parte superiore dell’apertura della scarpa che tiene fermo il tallone. Alcune scarpe utilizzano un’imbottitura spessa, mentre altre si affidano maggiormente alla forma per cullare l’osso della caviglia. Fate attenzione se il tallone scivola, come l’imbottitura interagisce con le ossa laterali della caviglia e se la curva sul retro irrita il tendine d’Achille.

Il contrafforte del tallone è una coppa semi-rigida stratificata all’interno del retropiede che culla e sostiene il tallone. Alcune scarpe hanno una fascia esterna per il tallone che svolge una funzione simile, mentre le scarpe più minimaliste hanno eliminato il contrafforte per consentire la piena libertà di movimento. Le ricerche hanno dimostrato che i contrafforti per il tallone non forniscono un controllo del movimento, ma centrano il tallone per un atterraggio stabile e un sostegno. (Sia le scarpe neutre che quelle stabili utilizzano i contrafforti). Cercate un tacco che permetta un movimento confortevole della caviglia.

La sella della scarpa è l’area rinforzata intorno al collo del piede, l’arco del piede tra la palla e la caviglia. Il sellino interagisce con i lacci per tenere la scarpa saldamente sul piede. I designer hanno sviluppato una serie di sovrapposizioni, occhielli e sistemi di allacciatura per adattarle a qualsiasi forma di piede. Prestate attenzione a come si adattano e tengono il piede, fornendo una sensazione di sicurezza senza slittamenti e consentendo al contempo il naturale rigonfiamento dell’arco plantare durante la falcata.

Il toebox comprende tutta la tomaia, dalla parte anteriore degli occhielli fino alla fine della scarpa. Spesso è sormontata da un paracolpi rinforzato che tiene il tessuto lontano dalle dita dei piedi e protegge dalle punture, soprattutto nelle scarpe da trail. Cercate un puntale ampio che rimanga fuori dai piedi, consentendo all’avampiede di flettersi e allargarsi naturalmente sia in larghezza che in lunghezza. Inoltre, non deve causare crampi o sfregamenti alle dita dei piedi, nemmeno a quelle del mignolo. L’ideale sarebbe poter muovere comodamente ogni dito all’interno della scarpa.

Considerare la superficie di corsa

scarpe da corsa per la giusta superficie

La suola della scarpa da corsa è il punto in cui la gomma incontra la strada. Spesso è costituita da una serie di composti di gomma o schiuma posizionati in aree strategiche per aumentare la durata dell’usura o migliorare il rimbalzo o la flessibilità. I materiali che la compongono forniscono trazione e durata senza aggiungere peso o rigidità in eccesso, e per una forma dell’impronta che corrisponda alla vostra e che vi dia il livello di stabilità desiderato sotto il piede.

Forma dell’intersuola

Per far sì che la scarpa si pieghi come il piede, molte scarpe utilizzano scanalature di flessione sotto la pianta del piede. La rotazione della punta del piede verso l’alto, chiamata “toe spring”, o il taglio dell’intersuola in un modello rocker consentono al piede di rotolare durante la falcata. Piccole differenze nella posizione o nell’angolo possono alterare la meccanica e la sensazione, nonché il grado di flessione più adatto alla vostra falcata, che cambia con la velocità. Le intersuole in stile rocker tendono ad avere molle in punta più aggressive per facilitare una rapida rullata in avanti durante il ciclo dell’andatura. Cercate una scarpa che si fletta o rotoli nel modo in cui il vostro piede vuole muoversi, al ritmo per cui la userete.

L’intersuola è il materiale in schiuma che si trova tra la suola e la tomaia, progettato per ammortizzare le forze d’impatto e guidare il piede durante la falcata. Ogni corridore avrà le proprie preferenze. Scegliete lo spessore e il materiale dell’intersuola che si senta bene alla velocità di corsa, che soddisfi il livello di morbidezza o fermezza desiderato e che non abbia un peso eccessivo.

Ammortizzazione del tallone e dell’avampiede

L’ammortizzazione del tallone è il materiale dell’intersuola progettato per ridurre al minimo lo shock da impatto del tallone. Oltre a utilizzare una varietà di materiali per l’ammortizzazione, alcune scarpe presentano un’area di “crash pad” più morbida sul bordo esterno del piede o un tallone esterno arrotondato per attenuare l’atterraggio. Le ricerche hanno dimostrato che il corpo fornisce la maggior parte dell’ammortizzazione alle articolazioni e che si atterra più duramente con una scarpa più ammortizzata, quindi l’ammortizzazione del tallone è in gran parte una questione di comfort percepito. È probabile che si desideri un equilibrio tra ammortizzazione, stabilità e sensibilità al suolo. Durante le vostre corse di prova, notate se la scarpa tocca il suolo dove vi aspettate e se si inserisce senza problemi nella falcata.

L’ammortizzazione dell’avampiede è progettata per ridurre l’impatto delle forze maggiori della falcata che si verificano nella parte anteriore del piede durante il caricamento e la spinta. Mentre la meccanica corporea fornisce un’ammortizzazione a tutto ciò che si trova al di sopra della caviglia, l’ammortizzazione dell’avampiede protegge le strutture del piede. La promessa dei nuovi materiali e design “a ritorno di energia” è che possono sia proteggere che spingere il piede. Prestate attenzione alla reattività della scarpa, cercando un equilibrio tra il comfort dell’ammortizzazione e una solida piattaforma di spinta.

Dislivello tacco-punta

Il drop è la differenza di altezza tra il tallone e la pianta del piede quando si indossa la scarpa. Gli esperti non sono d’accordo sull’importanza del drop in relazione agli infortuni (ricordate le Vibram?), ma concordano sul fatto che la variazione del drop distribuisce le forze in modo diverso sul piede e sulla gamba e può alterare la falcata. Scegliete una scarpa che vi dia la giusta sensazione durante tutta la falcata, dall’appoggio alla punta del piede, e che riduca lo stress sulle parti deboli del piede. Le scarpe a drop zero, come quelle prodotte da Altra, posizionano sia il tallone che la punta del piede equidistanti dal terreno.

Valutare l’andatura e lo stile di corsa

I progettisti utilizzano una serie di tecnologie (come montanti mediali, schiume a doppia densità, cunei per il varismo, guide e geometrie più ampie delle scarpe) per cercare di evitare che il piede si muova eccessivamente, soprattutto in caso di iperpronazione o rotolamento verso l’interno. Gli scienziati concordano sul fatto che la maggior parte delle persone non ha bisogno di un supporto alla pronazione, ma i dispositivi di controllo e stabilità sembrano aiutare alcuni corridori a mantenere il loro percorso di movimento preferito. La scarpa deve offrire stabilità come supporto, non una correzione eccessiva. Se si soffre di iperpronazione, è consigliabile una scarpa che offra un maggior numero di caratteristiche di stabilizzazione.

Provate una nuova soletta

Il plantare, detto anche soletta, è il cuscinetto di schiuma rimovibile all’interno della scarpa che ammortizza i contorni della pianta del piede. Insieme alla geometria della scarpa, fornisce la maggior parte di ciò che si intende per “arco plantare” e conferisce alla scarpa il comfort iniziale. Prestate attenzione a come si sente la scarpa durante la corsa, dove più morbida non è sempre meglio e il piede lavora dinamicamente per fornire il proprio supporto e ammortizzazione. Se indossate un plantare, assicuratevi che si adatti comodamente alla scarpa.

Evitare gli errori più comuni nell’acquisto delle scarpe

evitare errori quando acquisti scarpe da corsa

Gli addetti ai negozi specializzati in running vedono i corridori commettere sempre gli stessi errori quando vengono a comprare le scarpe. Ma non voi, non più, grazie ai consigli di cinque importanti proprietari e gestori di negozi.

  • Errore n. 1: comprare per l’estetica.
  • Errore n. 2: non chiedere offerte.
  • Errore n. 3: comprare scarpe troppo piccole.
  • Errore n. 4: fare acquisti nel momento sbagliato della giornata.
  • Errore n. 5: dare per scontato il proprio numero.

Alcuni consigli finali

Andate in un negozio specializzato nella corsa, non in un grande magazzino o in un grande magazzino. Un commesso osserverà la vostra andatura e vi porterà una selezione di scarpe che ritiene più adatte alle vostre esigenze. Vi faranno provare ognuna di esse e vi aiuteranno a restringere il campo alla scelta giusta.
Fatevi misurare i piedi. Potreste pensare di conoscere il vostro numero, ma i piedi cambiano nel tempo e la calzata di un modello può essere drasticamente diversa da quella di un altro.
Quando andate a fare shopping, portate con voi le scarpe, i calzini e gli inserti che usate da tempo. In questo modo, quando proverete una nuova scarpa, potrete confrontarla direttamente con la vostra esperienza attuale.
Le scarpe dovrebbero essere sostituite ogni 300-500 miglia, a seconda della marca e del modello. Tenete traccia della data di acquisto nel vostro diario di allenamento e annotate quando iniziano a essere usurate.

Ora sai cosa fare e come scegliere le scarpe da corsa giuste, senza commettere gli errori più comuni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.