Come e perché diversificare il proprio reddito

Come e perché diversificare il proprio reddito

Innanzitutto, parliamo della diversificazione del mio reddito e del motivo per cui lo faccio.

Aumento delle entrate

Come ho detto, avere diversi flussi di reddito mi dà un margine di manovra finanziario. Quando ho lasciato il mio lavoro aziendale ben pagato per gestire questa attività, ho imparato rapidamente che le entrate generate dalle vendite al dettaglio non sarebbero state sufficienti. Le entrate derivanti dal lavoro di progettazione erano buone e le spese generali erano basse, ma quel capitale è stato investito in materiali per il lato prodotto dell’azienda. Alla fine, l’azienda sta facendo soldi, ma non vengo pagato durante questi primi anni. Inoltre non ho tenuto conto della stagionalità. Il lato dei servizi dell’azienda funziona bene in estate quando la vendita al dettaglio è particolarmente lenta, quindi avere il secondo flusso di entrate è stato per me un modo per aiutarmi a sostenermi durante i mesi più lenti. Nonostante tutto, ho dovuto tornare a trovare un lavoro che si adattasse al mio programma di lavoro, alle richieste/bisogni creativi e mi ha dato qualche soldo in più e respiro finanziario.

Crea offerte gratuite

Non voglio mettere tutte le mie uova nello stesso paniere finché non so di avere un prodotto valido. Avere alcuni canali diversi mi consente di testare nuovi prodotti e servizi per avere un’idea migliore di ciò che i miei clienti desiderano, che si tratti di prodotti all’ingrosso, crossover, nuovi prodotti e collaborazioni con altri artisti e produttori. Alla fine, sto aprendo nuove opportunità di guadagno creando allo stesso tempo valore per il mio cliente principale.

Rimani impegnato

Quando ho lasciato il mio lavoro per trasformare la mia passione nel mio lavoro, sapevo che dovevo elaborare rapidamente un progetto di passione per rimanere ispirato e creativo. La nascita dei miei laboratori è stata una conseguenza di questo. Era uno sbocco creativo che non era completamente intrecciato con la mia quotidianità. Sebbene non sia una delle principali fonti di reddito, i workshop e la gioia che ottengo dall’insegnare agli altri mi hanno aiutato a rimanere coinvolto condividendo le mie conoscenze con gli altri e ricordandomi perché amo le arti tanto per cominciare.

Ma con tutti questi progetti, lavori e liste infinite di cose da fare, come posso rimanere produttivo e creare un senso di equilibrio?

Imparare a dire di no

Una volta che inizi a guadagnare qualche soldo dai tuoi sforzi, può sembrare fantastico. C’è un senso di valore per il lavoro che fai e chi non ama essere pagato? Ma la cosa più importante quando si manipolano palline diverse è essere in grado di dire “NO”.

No a lavori che non sono in linea con il tuo marchio o per cui vuoi essere conosciuto.

No a lavori che saranno più lavoro di quanto guadagnerai (non solo dal punto di vista delle entrate, ma dal punto di vista del valore. A volte va bene accettare lavori che non pagano perché frutteranno in altre aree come maggiori opportunità per maggiori lavoro, networking ecc.

No ai lavori per i quali semplicemente non hai la larghezza di banda.

Dire quel primo no è difficile, ma credimi, diventa più facile. Tu e il tuo lavoro venite presi un po’ più sul serio e rafforzerete il vostro marchio per ogni lavoro che rimane fedele al vostro nucleo.

Gestisci le aspettative e non aver paura di chiedere aiuto

Il tempo è una risorsa finita. Abbiamo solo tante ore al giorno che devono essere divise tra la tua vita professionale e quella personale. La gestione delle aspettative con la famiglia, gli amici e i clienti su aspetti come tempistica, disponibilità e larghezza di banda è fondamentale. Non aver paura di usare un’ancora di salvezza se ne hai bisogno! Se i concorrenti di Who Wants To Be A Millionaire ottengono tre ancora di salvezza per rispondere a qualche stupida domanda a scelta multipla, puoi certamente “telefonare a un amico” per chiedere aiuto per darti un po’ di sanità mentale. Se hai un sistema di supporto, usali. Vogliono supportarti!

Goditi quello che stai facendo

Questa è la cosa più importante. Se non hai passione per quello che stai facendo, sarà davvero difficile rimanere motivati, produttivi e ispirati. Tengo una luce al neon nel mio negozio che dice “Fai ciò che ami” ed è un promemoria costante che sono fortunato a poter fare della mia passione il mio lavoro.

So che nella nuova era della cura di sé c’è una tendenza che si allontana dal “non dover fare tutto”. E fidati di me tesoro quando dico, non voglio fare tutto. Una parte di me vuole impartire ordini e indicare le persone tramite Facetime mentre sono su un’isola con un marg gelido in mano. Ma l’altra parte di me vive e respira dallo stress e dal caos della costruzione della mia attività: mi guida, mi eccita e, ehi, se mi fa guadagnare qualche soldo in più e mi apre alcuni flussi di entrate, così sia! Trovare modi per aiutare a portare più soldi, rimanendo sul marchio, ed essere tutto qualcosa che mi porta gioia e soddisfazione fa la differenza!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.